Secondo Albert Einstein un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno. Oggi in tempi di Rivoluzione Digitale 4.0, l’aspetto da esaminare con maggiore interesse è quello dell’Intelligenza Artificiale, una delle tecnologie più promettenti dei nostri tempi, che permette di migliorare la qualità del lavoro, aumentare la produttività, elaborare previsioni e dati in tempo reale e perfino salvare vite umane apportando beneficio alla società nel suo complesso, in tutti i settori, sia nelle azioni che svolgiamo abitudinariamente tutti i giorni che nell’attività lavorativa, cambiando radicalmente la nostra quotidianità di esseri umani. Uno dei massimi esperti mondiali in materia di Intelligenza Artificiale è Jerry Kaplan scienziato, imprenditore e innovatore seriale tra i pionieri della Silicon Valley, meglio conosciuto per il suo ruolo chiave nel definire l’industria dei tablet computer. Oltre ad essere il primo ad immaginare un nuovo tipo di computer da utilizzare come una “tavoletta di carta”, Jerry ha lavorato con John McCarthy, uno dei padri dell’intelligenza artificiale, ed è stato inventore e promotore di numerose imprese di successo dell’hi-tech e del web oltre che essere fellow del Center for Legal Informatics alla Stanford University con cui collabora come ricercatore. Recentemente l’inventore del tablet ha pubblicato per Luiss University Press un libro intitolato “Intelligenza artificiale, guida al futuro prossimo” dove espone le opportunità e i rischi dell’intelligenza artificiale . Noi di Domanipress abbiamo avuto l’onore di ospitare Jerry Kaplan e di parlare con lui di robot, privacy, machine learning e di nuove sfide educative delineando gli scenari del nostro futuro tra pericoli ed opportunità.

Dall’invenzione del Tablet Computer alla pubblicazione di libri di successo tradotti in tutto il mondo, la tua è una delle carriere più brillanti nel universo del digitale. Oggi collabori con la prestigiosa Stanford University insegnando l’impatto sociale ed economico dell’intelligenza artificiale. Partendo proprio dal modello educativo quanto lo studio accademico dovrà cambiare per essere pronto per le sfide del futuro?

«Sfortunatamente, le pressioni che richiedono alle organizzazioni commerciali, e persino a quelle statali e ai governi, di rimanere aggiornati, non funzionano necessariamente allo stesso modo nelle Università. Ecco perché ad oggi negli Stati Uniti stiamo ancora insegnando materie scolastiche che non sono più rilevanti. Ad esempio chi ha davvero bisogno di utilizzare il calcolo? Gli studenti delle scuole elementari hanno davvero bisogno di imparare la scrittura corsiva? Quindi posso dirti che ad oggi non mi sento ottimista riguardo al fatto che le istituzioni accademiche possano adattarsi rapidamente al futuro».

Il mercato del lavoro richiede delle nuove competenze digitali che solo qualche anno fa non esistevano, ma le offerte formative ed i piani di studio non sono ancora pronti a questo cambiamento…

«Certo e ci sono due cambiamenti che penso possano essere utili agli studenti e alle università nel prossimo futuro. Il primo è richiedere un’istruzione più ampia, cioè non incoraggiare gli studenti a specializzarsi in materie tecniche troppo presto. A Stanford, abbiamo aumentato il un numero di requisiti umanistici, e questo aspetto è stato ampliato per includere la formazione etica e altre abilità utili generali. Gli ingegneri oggi seguono corsi di etica della tecnologia, ad esempio. Il secondo cambiamento è quello di diminuire la dipendenza da insegnanti e ricercatori che hanno trascorso tutta la loro vita nel mondo accademico e aprire più di una “porta girevole” a ricercatori ed esperti dell’industria e del governo. Ciò significa che gli studenti potranno avere accesso agli ultimi più grandi sviluppi, sia tecnologici che sociali creando una sinergia utile ed in linea con i tempi moderni».

L’ Intelligenza Artificiale è legata a doppio filo al tema dei Big Data e quindi anche alla privacy. Quanto ci costa in termini di libertà condividere le nostre informazioni personali?

«Non c’è dubbio che l’infrastruttura digitale di oggi è nemica della privacy, poiché è diventata il nostro principale mezzo di comunicazione. Quasi tutto ciò che una persona dice o fa elettronicamente può essere monitorato, salvato, analizzato e usato per scopi sconosciuti in futuro. In passato, una persona poteva presumere che le comunicazioni con, per esempio, partner fidati, coniugi, datori di lavoro, amici e altri potevano essere mantenute strettamente tra di loro e, nel caso di comunicazioni vocali, che ciò che veniva detto non poteva essere facilmente salvato e riprodotto per scopi diversi dall’intenzione originale in un secondo momento o in un contesto differente; ma ora, a causa della natura perenne e condivisibile delle informazioni digitali, le dichiarazioni e le azioni possono essere facilmente estrapolate dal contesto, lette da un pubblico che non è il destinatario previsto della comunicazione, e utilizzate per scopi mai contemplati dall’oratore originale».

L’ Artificial Intelligence non ci potrebbe aiutare ad evitare questo inconveniente?

«Le tecniche di Intelligenza Artificiale in realtà peggiorano questo problema, perché è possibile ricreare la voce di una persona e persino la sua immagine in un video difficile da distinguere dalla realtà. Questo permette agli hacker di far sembrare che tu abbia detto o creduto a cose che non hai detto o che non credi. Quando le affermazioni di una persona possono essere colte fuori dal contesto o create volutamente, gli utenti perdono la capacità di distinguere la realtà dalla finzione. Ciò che mi preoccupa maggiormente e che la perdita della “verità” oggettiva consente ai governi o alle altre istituzioni di inventare i “fatti” per sostenere i propri obiettivi, minando le basi della democrazia liberale».

Ci può essere una soluzione che limiti l’utilizzo improprio della tecnologia e ci tuteli da ogni forma di mistificazione?

«Non esiste una “soluzione tecnica” per questo quindi l’onere ricade sulle autorità di regolamentazione che si devono occupare di proteggere i nostri diritti e contribuire a preservare i processi democratici. Risulta essere necessario che siano emanate leggi e regole che limitano quando e come le informazioni personali possono essere lette, usate, copiate e salvate. Abbiamo bisogno di nuovi diritti per proteggerci nell’era digitale».

I paesi dell’Unione Europea hanno studiato recentemente un nuovo regolamento che garantisce un uso equo ed etico dell’intelligenza artificiale. Come si sta procedendo negli Stati Uniti? Esiste una struttura legislativa in grado di dare risposte su questi temi?

«Il problema con il tentativo di legiferare “un uso equo ed etico” dell’Intelligenza Artificiale è che l’Intelligenza Artificiale non è ben definita. È una raccolta di tecniche di programmazione per analizzare grandi volumi di dati. In quanto tale, l’Intelligenza Artificiale, non ha di per sé una dimensione etica. Non esiste una “buona” Intelligenza Artificiale o una “cattiva” Intelligenza Artificiale. Come analogia strettamente correlata, la tecnologia di database, cioè le tecniche per archiviare, manipolare e recuperare informazioni in formato elettronico, non possono avere una dimensione etica. È il “come e quando” vengono utilizzati i dati che determina se l’utilizzo può considerarsi “buono” o “cattivo”. Cercare di regolamentare l’Intelligenza Artificiale per evitare problemi è un po’ come cercare di impedire ai ladri di banche di usare un’auto per svaligiarle e scappare regolamentando il modo in cui sono fatte le auto».

Quindi, nonostante l’aggiornamento dell’apparato legislativo, credi che non si possa fare nulla?

«Questo non vuol dire che non si possa fare nulla, solo che il problema deve essere affrontato al giusto “livello”. Quindi il modo corretto per garantire che l’Intelligenza Artificiale avvantaggi la società non è quello di regolarlo direttamente, ma di affrontare i potenziali abusi o l’abuso di applicazione della tecnologia. Affrontiamo il problema dei rapinatori di banche che utilizzano un’automobile non cambiando il modo in cui costruiamo le automobili, ma piuttosto rendendolo un crimine usare un’auto per questo scopo. Nel caso dell’Intelligenza Artificiale, considera, ad esempio, come possiamo limitare l’uso del riconoscimento facciale da parte delle forze dell’ordine. Mentre oggi il riconoscimento facciale usa l’Intelligenza Artificiale, non è questo il punto. Il problema è l’accuratezza e l’applicazione del riconoscimento facciale, non come è fatto. Quindi non c’è motivo di pensare a questo come a un problema con l’Intelligenza Artificiale stessa, ma piuttosto a come la tecnologia è utilizzata».

La percezione popolare dell’intelligenza artificiale è influenzata da Hollywood con una visione fortemente distopica… Perché spesso si pensa che i robot siano un pericolo? C’è qualche possibilità che i robot dotati di intelligenza artificiale in futuro possano ribellarsi agli umani?

«La paura dei robot è guidata da un fraintendimento di ciò che sono. I robot nella finzione sono di solito agenti, capaci di pensieri e azioni indipendenti, spesso presentati come pensati come un pericolo per l’umanità, con effetti drammatici. In questo senso, sono come vampiri o lupi mannari, altri protagonisti della finzione. Ma questo ha poco a che fare con la realtà».

Cosa sono davvero i robot intelligenti?

«I robot sono prima di tutto macchine. Non hanno altro scopo se non quello per cui sono stati progettati, e non c’è possibilità realistica che si innalzino in rivolta. Proprio come le altre macchine, possono essere molto utili nell’esecuzione di compiti che potrebbero essere stati originariamente fatti dagli umani, ma non c’è nulla di nuovo in questo. Le aziende sviluppano e installano macchine per automatizzare i processi per tutta la catena di montaggio, questo ha spostato e cambiato il lavoro umano. Ma se chiami la macchina con il termine “robot”, all’improvviso la gente si preoccupa che “loro” un giorno possano rubare i “nostri” posti di lavoro. Spesso queste macchine sono “pericolose” e causano danni alle persone o alle proprietà, ma ciò avviene a causa di una progettazione o di un utilizzo inadeguato, non perché le macchine stiano sviluppando i propri obiettivi e le proprie intenzioni contro gli umani».

Eppure c’è chi tende a guardare con diffidenza la robotica

«Si, ma non abbiamo motivo di temere i robot, a meno che non li progettiamo male o li usiamo in modo improprio … proprio come qualsiasi altra macchina».

Nel libro leggiamo la frase “Ci sono tre cose che sono importanti per noi quando si tratta di interazioni tra robot e umani: “contesto, contesto e contesto“. Qual è l’uso dell’intelligenza artificiale che ti preoccupa maggiormente?

«Come regola generale, i computer sono buoni con il dettaglio ma hanno difficoltà con i problemi che richiedono una comprensione del quadro generale e del contesto. Al contrario, le persone vivono e lavorano in ambienti complessi che spesso richiedono una grande esperienza o abilità sociali. Ultimamente, con l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale, abbiamo cercato di utilizzare i computer in contesti umani, come rispondere a domande orali, guidare un’auto o consegnare pacchi. Questi sono compiti che le persone possono fare molto bene, ma computer e robot sono ancora inadeguati. Quindi, quando questi sistemi incontrano situazioni per cui non sono stati programmati, molte cose possono andare storte. È una cosa per un computer interpretare erroneamente la tua domanda, ma non lo è far guidare la tua auto da su una scogliera. Quindi, prima di utilizzare questi sistemi per interagire con le persone in ambienti complessi e reali, ci dobbiamo assicurare che non causino danni se falliscono, cosa che succederà spesso».

Nel 1987 hai fondato “Go coportation“, una startup che ha prodotto il primo Tablet Computer. C’è ancora spazio per l’innovazione dell’hardware oggi? Quali saranno le tendenze del futuro? Il mercato dell’hardware sembra essere più lento rispetto al software…

«È vero che il software sembra svilupparsi più velocemente dell’hardware, ma questo è principalmente dovuto al fatto che i miglioramenti nei computer sono nascosti all’interno. Miglioriamo costantemente i computer, rendendoli più veloci, con più memoria e interconnettendoli in reti sempre più ampie a costi inferiori. Ciò consente nuove e migliori applicazioni software con le quali interagiamo, ma i miglioramenti nell’hardware sono molto meno visibili. Detto questo, circa ogni dieci anni le tecnologie dei componenti migliorano a sufficienza da rendere possibile una nuova forma di computer, come i tablet o gli smartphone. In futuro vedremo computer potenti sempre più piccoli che possono adattarsi, ad esempio, all’orecchio,come una cuffia, o in un paio di occhiali. Ciò consentirà molte nuove funzionalità, come l’aggiunta di informazioni a ciò che stiamo vedendo o ascoltando,la cosiddetta realtà aumentata. Quando ciò accadrà, troveremo dei modi in cui i computer possono aiutarci a interpretare e comprendere il nostro mondo come lo stiamo vivendo, senza dover distogliere lo sguardo o bloccare i nostri sensi. I computer del domani ci consentiranno di beneficiare di questa tecnologia senza porsi tra noi e il nostro mondo».

Oggi rispetto al passato è facile creare una startup, tuttavia il grado di fallimento di un progetto di business è molto alto. Che consiglio daresti al CEO di una giovane azienda? Quali sono gli aspetti da non sottovalutare?

«Uno degli errori più grandi che compiono gli imprenditori di oggi è pensare che una conoscenza della tecnologia sia sufficiente per generare valore economico. La realtà è che mentre la tecnologia è importante, una conoscenza del dominio, cioè come le persone ottengono valore dalla tecnologia, è molto più importante. Le aziende di successo risolvono problemi urgenti, non costruiscono solo la tecnologia fine a se stessa. Quindi è necessario capire e conoscere a fondo qualunque industria o applicazione tu voglia innovare».

Nel libro “Startup Un’avventura alle origini della Silicon Valley” racconti dei tuoi inizi imprenditoriali… La Silicon Valley è ancora un punto di riferimento per il mondo della tecnologia? Quali sono gli altri luoghi in cui nascono idee innovative?

«Non c’è nulla di magico nella Silicon Valley, e ci sono molti luoghi, inclusa in Italia, dove l’innovazione è vibrante almeno quanto in California. Ma la regione è così nota come centro di innovazione che la sua reputazione tende a eclissare l’eccellente lavoro svolto in molti altri luoghi. Questo effetto è lo stesso per l’industria cinematografica. Quando la gente pensa ai film, pensa prima a Hollywood, ma naturalmente ci sono tanti registi eccellenti in giro per il mondo».

Come ultima domanda parafrasiamo sempre il titolo del nostro magazine e chiediamo come vede il “Domani” Jerry Kaplan, quali sono le tue speranze e le tue paure?

«La nostra più grande sfida per il futuro è far tornare il progetto mondiale di promozione della democrazia e della libertà. Questo significa fare un lavoro migliore per educare i nostri giovani su come funzionano le democrazie e sui segnali premonitori di un autoritarismo strisciante, come demonizzare stranieri o gruppi razziali e limitare la libertà di stampa. Il primo ordine del giorno è mettere in atto politiche che riducano la disuguaglianza di ricchezza e garantiscano opportunità economiche ampiamente condivise».

Simone Intermite

ASCOLTA IL DOMANI DI JERRY KAPLAN