Tutta la verità su Maradona dai successi alle dipendenze: svelata la parabola discendente del pibe de oro che ha fatto sognare il mondo

Arriva il 6 gennaio su discovery+, il nuovo servizio streaming del gruppo Discovery, Maradona Morte di un Campione,un esclusivo documentario che racconta la verità dietro la morte di uno dei volti sportivi più amati .

Maradona, durante la sua carriera calcistica è sempre stato soggetto a dipendenze: dalle iniezioni di cortisone e gli antidolorifici per tenerlo in campo, alle sue dipendenze da cocaina, alcol e cibo e, nell’ultimo periodo dalle pillole che prendeva per combattere la depressione ed i forti dolori.

Questo documentario parte dalla sua storia in campo indagando sui farmaci che gli sono stati somministrati ufficialmente e quelli che lui stesso ha scelto di prendere per stare meglio. Partendo dagli eventi che hanno segnato la sua carriera di giocatore e attraverso le interviste con  i medici che lo hanno seguito e le persone a lui più vicine costruiremo un quadro clinico del calciatore più costoso del mondo.

Uno studio sulla personalità di Maradona aiuterà gli spettatori a capire cosa lo spingeva a fare affidamento sui farmaci, cosa probabilmente lo portava a non poterne più fare a meno.

Dal momento in cui il suo talento calcistico è stato riconosciuto per la prima volta quando aveva 11 anni, Maradona è stato assistito dai medici della sua squadra che cercavano di creare un personaggio. Al culmine della sua abilità calcistica è stato inesorabilmente ferito dagli avversari che cercavano di fermarlo. Spesso gli venivano somministrate iniezioni antidolorifiche pre partita. Ma fuori dal campo Maradona faceva uso di cocaina, motivo per il quale venne sospeso dal Napoli, per il quale fu espulso dalle partite internazionali della Fifa e che a lungo portò alla fine della sua carriera da giocatore.

All’età di 40 anni, dopo un terribile attacco di cuore indotto dalla droga era riuscito a smettere di fare uso di cocaina grazie anche all’aiuto di Fidel Castro. Per due volte nella sua vita si è sottoposto a chirurgia bariatrica per combattere l’obesità, ha sofferto per tanti anni di artrite e la depressione è stata sua compagna per tanto tempo. La sua condizione clinica e la sua vita di eccessi hanno inevitabilmente portato Maradona verso la sua fine ma sicuramente il suo mito e il ricordo del suo talento rimarranno nella storia.

Fra le persone coinvolte nella storia Jon Smith, agente di Maradona fra il 1986  e il 1991, quando il calciatore era all’apice del suo successo,  Jimmy Burns, che ha pubblicato la sua biografia “The Hand of God” (La Mano di Dio) seguendolo lungo il corso della sua carriera. Dan Abrahams, psicologo sportivo, che ha tracciato un profilo del calciatore rispetto al suo stato mentale in relazione all’uso costante di droghe. Il Professor Atholl Johnston, Professore di Farmacologia Clinica all’Imperial College.

Beppe Bruscolotti , capitano del Napoli  quando Maradona era in squadra e suo amico di lunga data.  Massimo Vignati, creatore del Maradona Museum a Napoli.

Federica Di Criscio e Eleonora Goldoni, calciatrici professioniste e il Dr Luis Pintos medico della squadra quando Maradona aveva 21 anni. Ma anche il Professor Fernando Signorini personal trainer di Diego Maradona dal 1983 al  1994 e il Dr Alfredo Cahe, medico personale del calciatore per ben 30 anni che lo ha accompagnato nella sua lotta contro la dipendenza da cocaina e l’obesità e fino alla fine della sua battaglia. E’ proprio lui ad accusare il suo ultimo medico Leopoldo Luque di non essersi preso cura di lui.

 

Articolo precedenteAchille Lauro: dopo il disco d’oro e la promessa di partecipazione superpartes a Sanremo2021 è tempo di Bvlgari Black Swing
Articolo successivoOrnella Vanoni: dopo il Covid la rinascita. Esce “Un sorriso dentro al pianto”
Musica,Cinema,Letteratura,Arte,Luoghi,TV,Interviste esclusive e tanto altro ancora. Domanipress.it