Recensione: “Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle”, Elsa ritorna al cinema per una una lotta senza esclusione di colpi

Da qualche settimana sicuramente non vi sarà mancato di imbattervi davanti ad uno dei sequel più attesi da grandi e bambini.
Ci troviamo di fronte al tanto acclamato e campione d’incassi “Frozen, ma con un nuovo capitolo che colmerà molte lacune di trama lasciate dal primo film. Come riesce Elsa ad acquisire i suoi magici poteri? Sicuramente questa è una delle domande che verrà affrontata nel film e che porterà i protagonisti a compiere un altro viaggio, più turbolento, verso l’origine dei misteriosi poteri del ghiaccio che fin dalla nascita possiede la nostra amata principessa.

In questa nuova pellicola targata Disney i personaggi che abbiamo amato già dal 2013 non si smentiscono. I loro caratteri rimangono estremamente contornati e la fredda regina delle nevi ritrova pace con la propria persona, impugnato la situazione con destrezza e mostrando le sue insicurezze solo con sua sorella Anna (a volte nemmeno solo con lei).

Elsa e Anna sono infatti ancora più protagoniste che nel primo episodio e questa volta non è il loro rapporto di sorelle ad essere centrale nel film, ma l’importanza per ciascuna di esse a trovare la forza per essere indipendenti rispetto alle insidie della vita.

Una nota particolare alla nuova “Let it go“, che nel nuovo film diviene “Into the unknown” (“Nell’ignoto” ) e fa breccia nel cuore di molti per Sonorità ed emozioni a non finire che vedono come interprete una Idina Mezel eccezionale, tanto da superare, secondo molti, il primo film.
Genialità ritrovata poi anche nell’idea di “Lost in the woods” (“Perso quaggiù”), canzone del giovane Kristoff trattata come un video musicale anni 1990-2000, che non ha mancato di originalità e simpatia per l’idea mai stata pensata prima dalla Disney.

Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle” sicuramente è un film che prende in giro se stesso, con battute originali e nuove idee comiche funzionanti.
La trama, intricata e quasi forzata, pretendeva forse poco più di ciò che è stato il prodotto finale, ma rimane una pellicola piacevole e da vedere volentieri per scambiarsi qualche risata con gli amici e la propria famiglia, soprattutto in attesa della maratona Disney natalizia annuale in TV.

Serena Marletta