“Pino Daniele. Il tempo resterà” su Rai5 il docu-film dedicato all’uomo del blues

Un “nero a metà”, un uomo in blues capace di parlare un linguaggio aperto a tutti. Rai Cultura racconta Pino Daniele con il docu-film di Giorgio Verdelli “Pino Daniele. Il tempo resterà”, in onda mercoledì 30 maggio alle 21.15 su Rai5. Attraverso immagini inedite, testimonianze di amici e artisti e tanta musica, il film è l’occasione per quanti amano il bluesman partenopeo di ritrovare le sue interpretazioni più celebri e seguire il suo percorso artistico dagli anni ’70 agli ultimi concerti. Un ritratto del musicista che mette in luce il rapporto intimo e profondo con la città di Napoli e la capacità anche di essere un artista apprezzato a livello internazionale; un ritratto che illustra la vita e gli incontri di un uomo unico, tra “appocundria”, musica e poesia. Le canzoni e le frasi di Pino Daniele sono il filo conduttore del film che, grazie all’attenta selezione dei materiali fatta da Giorgio Verdelli con il figlio del musicista, Alessandro Daniele, trova nel cantautore stesso la sua voce narrante, supportato da Claudio Amendola.

Un percorso in cui si intersecano immagini di repertorio, testimonianze e contributi: accanto a Joe Amoruso, Tony Esposito, Tullio De Piscopo, James Senese, Rino Zurzolo (i musicisti della storica band di “Vai mo’” con cui Pino Daniele si riunì nel 2008 ), ci sono – tra gli altri – Renzo Arbore, Stefano Bollani, Ezio Bosso, Lorenzo Jovanotti Cherubini, Eric Clapton, Clementino, Roberto Colella, Gaetano Daniele, Enzo Decaro, Maurizio De Giovanni, Francesco De Gregori, Giorgia, Enzo Gragnaniello, Peppe Lanzetta, Maldestro, Fiorella Mannoia, Al di Meola, Phil Manzanera, Pat Metheny, Eros Ramazzotti, Massimo Ranieri, Ron, Vasco Rossi, Sandro Ruotolo, Giuliano Sangiorgi, Daniele Sanzone, Lina Sastri, Alessandro Siani, Corrado Sfogli, Massimo Troisi e Fausta Vetere.
“Pino Daniele. Il Tempo Resterà” è un vero e proprio viaggio – visto dai finestrini di un autobus (ribattezzato Vaimo’, come il tour del 1981) – che attraversa i luoghi di Napoli di Pino Daniele, per raccontare la sua idea di musica in movimento perenne, come la società di quegli anni che lui ha interpretato con una cifra innovativa e inimitabile.

Il docu-film di Giorgio Verdelli – una produzione Sudovest e Rai Cinema – è stato riconosciuto come film di interesse culturale nazionale e indicato come Progetto Speciale dal Mibact ed ha riscosso un grande successo in sala, ottenendo il secondo posto assoluto al box office nei tre giorni di programmazione.