In libreria: “Vedi sopra” di Alessandro Monti, un romanzo emozionante e coinvolgente

All’inizio sembra un libro che narra le vicende di un giovane gruppo di ragazzi, che si incontra per caso nel periodo delle vacanze e coltiva un’amicizia destinata a durare nel tempo e invece  no “Vedi sopra” (… L’estate della mia vita…) di  Alessandro Monti è molto di più. Un libro che ti entra dentro e dalle cui pagine riesci a capire il significato dei sentimenti veri , anche dinnanzi all’inevitabile mutare delle cose. Protagonisti dei giovanissimi ragazzi la cui vita viene segnata da due elementi determinanti: l’inizio una solida amicizia e  una perdita incolmabile che li trasformerà per sempre. Le stagioni della vita dei ragazzi procedono pagina dopo pagina, ma con quel filo di malinconia che pervade uno di loro Jerry , qualcosa nella sua vita è accaduto e l’ha cambiato, turbato, sconvolto. Qualcosa accaduto nella giovinezza diventa determinante per il resto della vita. Un amore adolescenziale e una perdita improvvisa rendono tutto diverso e inaccettabile.

Si procede passo dopo passo fino ad indurre il lettore ad una terribile scoperta: uno di loro muore prematuramente e a pagare maggiormente le conseguenze lui, Jerry che amava Alex e l’ha persa non riuscendo a dare più un senso alla sua esistenza. Il fato a volte è crudele, ma se le cose fossero andate diversamente che cosa sarebbe accaduto? Nessuno può saperlo ma forse non è ancora tutto perduto.

Quei ragazzini ormai diventati adulti hanno custodito il loro rapporto che si è rafforzato con gli anni ma qualcosa manca, uno di loro è andato via troppo presto e rimpiangere il passato non serve a niente, solo a farsi del male . Resta soltanto una cosa da fare, reagire e andare avanti e quando tutto questo sembra essere scontato all’improvviso qualcuno venuto dal passato mette a soqquadro tutto. Se si potesse tornare indietro e rimettere tutto al suo posto cambierebbe qualcosa? Il prezzo da pagare è alto ma vale la pena provare.

Il libro è un concentrato di emozionalità, scorrevole, piacevole alla lettura e soprattutto un omaggio all’amicizia quella vera, che non chiede nulla in cambio se non il rispetto reciproco. L’amore poi è il motore che manda avanti la storia senza cadere nella banalità. Esistono ancora i sentimenti veri e sentirli trapelare dalle pagine di questo libro è pura poesia. Un finale struggente e inaspettato rende tutto ancor più intimo e penetrante. La vita è una bella avventura, ma purtroppo dietro l’angolo non mancano le brutte sorprese.

Caterina Morelli