In libreria: “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” di Cristiano Zuccarini ed Ernesto Carbonetti

Per celebrare i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, Chiaredizioni presenta “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” dello sceneggiatore Cristiano Zuccarini e dell’illustratore Ernesto Carbonetti. Un’opera pensata soprattutto per i ragazzi che si approcciano allo studio della Divina Commedia, ma anche un’ottima lettura per tutti coloro che apprezzano uno sguardo originale e fresco su uno dei libri più importanti della letteratura mondiale.

Cristiano Zuccarini sceglie di riportare fedelmente le immortali parole del Sommo Poeta, ed è sicuramente grazie alla sua conoscenza dell’opera che l’illustratore è riuscito a integrare perfettamente le immagini con i versi della seconda Cantica della Divina Commedia. È stato inoltre di Zuccarini l’arduo compito di scegliere i Canti del Purgatorio da presentare in questo volume: come per la precedente pubblicazione sull’Inferno, anche in questo testo si è optato per una selezione dei Canti più rappresentativi, preferendo dare la precedenza a quelli maggiormente studiati nelle scuole. Si offre molto risalto ai Canti dell’Antipurgatorio, come il primo, il terzo e il quinto, per poi soffermarsi sull’intenso Canto IX, dove si racconta dell’incontro di Dante e di Virgilio con l’angelo a guardia della porta che separa l’Antipurgatorio dalla prima Cornice, in cui vi sono i superbi – «Noi ci appressammo, ed eravamo in parte che là dove pareami prima rotto, pur come un fesso che muro diparte, vidi una porta, e tre gradi di sotto per gire ad essa, di color diversi, e un portier ch’ancor non facea motto».

Infine, si prendono in esame i Canti X, XI, XII dedicati alle anime penitenti dei superbi e all’incontro con l’angelo dell’umiltà. Ciò che rende il testo un’opera d’arte è l’apporto di Ernesto Carbonetti, che ha consegnato ai lettori delle tavole di grande impatto visivo: ogni immagine è complemento prezioso delle parole e ne sottolinea la forza e la vividezza; con uno stile che ricorda vagamente alcune opere del grande illustratore e artista Dave McKean, Carbonetti presenta una visione del Purgatorio che mescola bene elementi inquietanti con sublimi astrazioni e con perfetti esempi di realismo pittorico. Una scelta coerente con l’atmosfera di questa seconda Cantica, in cui c’è dolore ma anche speranza, in cui c’è l’idea di pentimento e di espiazione in vista della purificazione dai propri peccati e dell’ingresso nel Paradiso. “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” è un’uscita di notevole interesse letterario e artistico; un’opera da leggere e da ammirare, per ricordare uno dei più grandi autori della nostra storia.