In libreria l’autobiografia inedita del ciclista Francesco Moser che racconta l’entusiasmo di mettersi in gioco

FRANCESCO MOSER, classe 1951, è stato il protagonista di un’epoca splendida del grande ciclismo mondiale con i suoi profondi valori: il sacrificio, la lealtà, la grinta, l’entusiasmo di mettersi in gioco in prima persona e non accontentarsi mai.

Tutto questo – i racconti, gli aneddoti inediti, le foto d’archivio, i dettagli tecnici delle biciclette – sarà racchiuso nell’atteso libro “Francesco Moser – Un uomo, una bicicletta” che uscirà il 9 marzo per Azzurra Publishing.

Il Pre-order è attivo al seguente link: https://www.azzurramusic.it/it/component/virtuemart/moser_unuomounabicicletta.

Con 273 vittorie su strada da professionista, tra il 1973 al 1988, risulta tutt’oggi il ciclista italiano con il maggior numero di successi e, secondo il sito specializzato ProCyclingStatsè il secondo più importante ciclista al mondo.

Ha vinto diverse classiche: due Giri di Lombardia, una Freccia Vallone, una Gand-Wevelgem e una Milano-Sanremo, oltre a un campionato del mondo su strada e a uno su pista, nell’inseguimento individuale. È stato tre volte vincitore della Parigi-Roubaix (1978, 1979, 1980), vincitore del Giro D’Italia nel 1984, anno in cui ha battuto anche il record dell’ora a Città del Messico frantumando quello di Eddy Merckx, che durava da dodici anni.

Innovatore in campo tecnologico, dal 1979 ha curato personalmente le sue biciclette, immaginando nuove soluzioni e costruendo con il suo team telai di qualità che venivano marchiati con il nome Moser. Non a caso, oggi il campione trentino è riconosciuto come l’inventore del ciclismo moderno, colui che ha saputo riconoscere l’importanza di un team dietro ai successi: ingegneri, medici, nutrizionisti, preparatori atletici, tutti insieme per lanciare il ciclismo nell’era della scienza applicata allo sport. 

Francesco Moser – Un uomo, una bicicletta”, un volume imperdibile da collezione con copertina rigida e carta patinata, a cura di Beppe Conti, racconta la straordinaria vicenda di un uomo che con la sua intraprendenza ha lasciato un segno indelebile nella storia.

Articolo precedenteCesare Cremonini: sentimenti smarriti, visoni profetiche e speranze per il nuovo album di inediti “La ragazza del futuro”
Articolo successivoVideo Intervista – Asaf Avidan: «L’arte come una seduta di psicoterapia è lo strumento migliore per opporsi alla paura; bisogna lottare contro le superficiali differenze immaginarie che abbiamo»
Musica,Cinema,Letteratura,Arte,Luoghi,TV,Interviste esclusive e tanto altro ancora. Domanipress.it