Finite le vacanze è tempo di riprendere la solita routine ma i veri must have di stagione saranno mascherina e green pass

Settembre è alle porte.

Finite le vacanze è tempo di riprendere la solita routine. L’inizio del nuovo anno accademico/lavorativo per me ha sempre rappresentato una sorta di “nuovo inizio”. Si rientra dalle ferie, con la mente decisamente più leggera e piena di buoni propositi: rimettersi in forma, eliminare quel bicchiere di vino di troppo, svolgere regolarmente attività fisica almeno tre volte a settimana. Quest’anno poi ci toccherà fare i conti con l’ennesima novità: il celeberrimo GREEN PASS. Una volta istituito abbiamo trascorso le prime settimane a domandarci a cosa servisse, per cosa fosse necessario e soprattutto con quali criteri si ottenesse. Svelati gli arcani misteri, il passo più difficile (almeno per me) è stato spiegare ai “non più così giovani” che cosa fosse il “qr code”. Oggi, giorno dopo giorno, un po’ come le mascherine sta diventando parte della nostra quotidianità: se prima gli oggetti essenziali per uscire di casa erano chiavi della macchina e portafoglio, ora sono sicuramente più importanti mascherina e green pass.

Premessa: il mondo è bello perché vario e siamo tutti d’accordo sul fatto che ogni singolo individuo possa esprimere (nel rispetto di tutti e in maniera pacata) il proprio pensiero. Sono molte le persone che ritengono che la certificazione verde (così come si dice da noi) rappresenti in realtà un obbligo e soprattutto un limite enorme per chi sceglie di non vaccinarsi. Magari, per quanto si tratti di una decisione rilegata ad una situazione estremamente delicata come il Covid, prendere il tutto un po’ più “alla leggera” potrebbe aiutarci a vivere questa fase di transizione verso (si spera) una ritrovata “normalità”, in maniera più serena.

Vi faccio un esempio: ho sempre sognato (vedendo film su film) di superare la coda all’entrata di un locale o di un ristorante semplicemente mostrando il mio documento. Immaginate una situazione in cui, dopo una giornata di mare e caldo estremo non vedete l’ora di andare nel vostro ristorante preferito, decine di persone (senza green pass) sono in fila in attesa del loro tavolo nello spazio outdoor e voi siete invece liberi di entrare e godervi la cena all’interno (godendo anche del fresco dell’aria condizionata) semplicemente esibendo un qr code dal vostro smartphone.

Inoltre, amanti della moda, le sfilate hanno parlato chiaro: rosso, fucsia, oro e blu elettrico saranno i colori di punta per la stagione Autunno/Inverno. Ciò significa che sarà necessario trovare le giuste occasioni per sfoggiare i vostri look da urlo. I pantaloni a vita alta saranno i più gettonati: siamo tutti d’accordo sul fatto che il tacco alto sotto i pantaloni a palazzo renda tantissimo giusto? Ci sono abiti che meritano di stare sotto le luci del riflettore, di essere indossati durante feste, eventi, cene e occasioni importanti. E anche in questo caso, per far sì che questo possa accadere, la certificazione ci sarà d’aiuto …

Se siete restii all’idea, per un momento provate a vedere questo green pass come una possibilità più che una costrizione … l’invito a quella festa a cui avete sempre sognato di partecipare per tutto il resto ci sarà, si spera, l’immunità di gregge.

Cristina Ciurleo

Articolo precedenteJunior Cally al rientro dal suo periodo di rehab lancia il nuovo singolo “Come Monet” ma avverte: «Se avete pregiudizi non ascoltatelo»
Articolo successivoLiam Payne: «Lavorare per la Disney è il mio sogno che diventa realtà»
Cristina a 22 anni è ancora troppo giovane per prendere il mondo davvero sul serio. Il suo, è uno sguardo fresco, ingenuo e sempre pronto a sorprendersi di ogni piccola scoperta. Il suo stile ironico e pungente vi accompagnerà in piacevoli e leggere letture.