Festival di Sanremo: ecco tutti i look più iconici dagli Anni ‘60 ad oggi

Come ogni anno anche il 2019 conoscerà i nomi di coloro che varcheranno le porte del più famoso Festival della Canzone Italiana che si terrà a Sanremo. Le novità in ambito musicale saranno sicuramente accompagnate da look e outfit che renderanno i partecipanti degli assoluti protagonisti nel proprio genere, esattamente come successe in passato ad alcuni dei migliori artisti italiani di tutti i tempi.
Ecco chi e quali look hanno scatenato un’infinita serie di applausi e l’approvazione da parte del pubblico.

Impossibile non citare l’affasciante aquila di Ligonchio  Iva Zanicchi, tre volte vincitrice del Festival di Sanremo. Vinse la prima volta nel 1967 con la canzone “Non pensare a me”poi nel 1969 con Zingara” e infine nel 1974 cantando “Ciao cara, come stai?“. Ciò che l’ha sempre distinta sono state le acconciature con la quale si presentava, da molti definite epiche. I suoi capelli erano cotonati fino all’estremo, risaltando un volume quasi innaturale. Per non parlare poi dell’eye make-up, nella quale una pesantissima marcatura nera di tutto il contorno occhi veniva enfatizzata dal mascara applicato sia sopra che sotto. Nulla di strano se si pensa che la cantante era perfettamente coerente con la moda dell’epoca.


Iva Zanicchi nel 1967

Esattamente 10 anni dopo, nel 1984, il famosissimo festival vide vincitrice una nota cantante per la sezione Big italiani e stranieri, che non varcava il palco di Sanremo da ben 14 anni. Patty Pravo incantò giudici e pubblico con la sua “Per una bambola” e proprio per l’occasione sfoggiò un look a tema. La sua particolare acconciatura orientale e la padronanza scenica senza precedenti richiamavano esattamente la figura di una sensuale bambola di porcellana, vestita di un metallico kimono argento.

Patty Pravo nel 1984

Gli Anni ’80 sembrano essere un susseguirsi di particolarità e sfoggiano un colpo di scena dietro l’altro. Nel 1986 si presenta una Donatella Rettore completamente anticonformista, con un look ispirato agli outfit di David Bowie. Decisa forse a sconvolgere l’ideale di abbigliamento di quegli anni, la sua Amore Stella” viene cantata con un abito completamente bianco nella quale due ali rigide di plastica nera si sviluppano a partire dal punto vita. L’esagerato spacco lascia intravedere la gamba velata di nero.

Donatella Rettore nel 1986

Siamo alla fine degli Anni ’90 quando Annalisa Minetti, ragazza lombarda dalle mille qualità, partecipa alFestival di Sanremo con la canzone “Senza te o con te” presentandosi con una ciocca di capelli totalmente leopardata. Sicuramente un colpo di scena agli occhi dei giudici dell’edizione del 1998 ma si sa che lo stile animalier è una tendenza storica che non passerà mai di moda.


Annalisa Minetti nel 1998

Gli anni 2000 si possono definire come portavoce dei più indimenticabili look entrati nella storia del festival. In particolare ricordiamo i pantaloni con le piume di Anna Oxa sfoggiati nell’edizione del 2009 e il vestito a sirena in seta blu di Nina Zilli nel 2012. In questa edizione Nina ripropone l’acconciatura cotonatissima tipica degli Anni ’60 come emblema di un periodo storico che ha rivoluzionato il ruolo della donna.
Ma il pezzo forte di tutta questa serie di look particolari sfoggiati dagli Anni ’60 fino ad oggi rimane senza ombra di dubbio quello presentato da Michelle Hunziker nell’edizione del 2018, con il suo abito flower targato Moschino. Esso rappresenta perfettamente il modo di essere della conduttrice più amata d’Italia, solare e allegro, tanto che Michelle ne ha fatto pure una gag nella quale Claudio Baglioni cercava di innaffiarla.


Michelle Hunziker nel 2018

Le sorprese non sono ancora finite e per il momento siamo curiosi di scoprire quali fantastici look verranno proposti per il 2019.

Jessica Zanettin