Ferragosto alternativo all’osteria dove l’oste non c’è

Per chi vuole passare un ferragosto alternativo lontano dal caos delle spiagge super affollate c’è un luogo magico e suggestivo nel cuore della patria del prosecco e del Cartizze. A Santo Stefano di Valdobbiadene si trova l’incantevole Osteria senza Oste. Ideato da Cesare De Stefani (proprietario dell’osteria) questo posto ormai è diventato un punto di riferimento del food. Gli ospiti capiscono da subito di essere riusciti a trovare un gioiellino tra i vigneti. Un paesaggio mozzafiato sulle colline di Valdobbiadene con attorno vigneti e dolci vallate dal verde rilassante. Tutto è stato pensato con semplicità e naturalezza proprio dove nascono e si nascondono le idee più belle. Tutto inizia e finisce così: Si trovano i prodotti messi a disposizione tra vino,salumi, formaggi, grissini il tutto con il prezzo sull’ etichetta. Quando si va via, si paga il totale e qui la particolarità… si paga a chi? A nessuno! Perché l’oste non c’è!
All’inizio del percorso c’è una casetta dove poter saldare il proprio conto ed anche  un registratore di cassa dove si può battere il proprio scontrino. Il tutto si basa sulla fiducia… si paga quello che effettivamente si ha consumato oppure si fa un’offerta. Questa è la bellezza di questo luogo…la fiducia.

Probabilmente di furbetti ci saranno pure stati, ma non hanno tolto l’anima di questo posto che all’interno è stato letteralmente tappezzato di bigliettini e cartoline di ogni dove. Un libro raccoglie l’emozione trasformata in parole di ogni commensale e a ben guardare il guest book si può dire provengano da tutto il mondo. Se vuole pensare ad un Ferragosto alternativo questa potrebbe essere una bella soluzione innovativa, libera e soprattutto profumata di prosecco.

Erica Freire