Alice Rohrwacher conquista il Festival di Cannes con “Lazzaro Felice”, la storia di una piccola santità senza miracoli

Grande apprezzamento al Festival di Cannes per ‘Lazzaro felice’ il nuovo film di Alice Rohrwacher che ha ricevuto oltre 10 minuti di applausi al termine della proiezione, al Grand Theatre Lumiere. La pellicola è stata il primo film italiano del programma in competizione per la Palma d’Oro e racconta la storia di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent’anni ed è talmente buono da sembrare stupido, e Tancredi, giovane come lui, ma viziato dalla sua immaginazione, è la storia di un’amicizia. Un’amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie. Un’amicizia che, luminosa e giovane, è la prima, per Lazzaro. E attraverserà intatta il tempo che passa e le conseguenze dirompenti della fine di un Grande Inganno, portando Lazzaro nella città, enorme e vuota, alla ricerca di Tancredi.

La regista ha affermato: “Lazzaro Felice è la storia di una piccola santità senza miracoli, senza poteri o superpoteri, senza effetti speciali: la santità dello stare al mondo e di non pensare male di nessuno, ma semplicemente di credere negli altri esseri umani. Racconta la possibilità della bontà, che gli uomini da sempre ignorano, ma che si ripresenta e li interroga come qualcosa che poteva essere e non abbiamo voluto.”