SIENA JAZZ – Siena Jazz organizza “ImproString”, workshop dedicato all’improvvisazione per archi

Siena Jazz organizza “ImproString”, un workshop dedicato alle tecniche improvvisative per archi. Si tratta di una tre giorni – al via domani, giovedì 26 febbraio – dedicata a studenti di musica classica delle classi di strumenti ad arco, i quali potranno far tesoro di un bagaglio di nozioni teoriche e pratiche per sviluppare il linguaggio dell’improvvisazione, dall’utilizzo dei parametri base, armonia melodia, ritmo e timbro, fino al concetto di tonalità nell’ambito dell’armonia funzionale. Il workshop, uno dei primi di questo genere, si avvale di un corpo docente di fama internazionale e tutto al femminile, il Trio HiN “Hear in Now”, composto dalle statunitensi Mazz Swift (violino e viola) e Tomeka Reid (violoncello) e dalla senese Silvia Bolognesi (contrabbasso). Molto attivo e conosciuto negli Stati Uniti d’America, il Trio HiN “Hear in Now” è in tournee per la seconda volta in Italia e Siena Jazz ha colto l’occasione per offrire a giovani musicisti provenienti da tutta la penisola un’opportunità di alta formazione musicale unica nel suo genere, in cui confrontarsi con le originali concezioni musicali delle tre artiste, ampliando le proprie competenze anche alla sfera dell’improvvisazione musicale contemporanea. Inoltre, nell’ambito di questa iniziativa, il Trio HiN “Hear in Now” sarà in concerto con una tappa del suo European tour 2015 venerdì 27 febbraio alle 22 presso il locale UnTubo (via Luparello, Siena), proponendo a tutti gli appassionati un appuntamento assolutamente da non mancare.

 

“Improstring”, è riservato a un massimo di 21 studenti, prevede sei ore di lezioni al giorno, in gruppi di musicisti della stessa sezione: la mattina è dedicata all’approfondimento di annotazioni di grammatica strumentale dentro e fuori alle forme, mentre nel pomeriggio si tengono le lezioni di pratica improvvisativa dentro e fuori alle forme per musicisti delle diverse sezioni riuniti in ensemble, ogni giorno con un docente diverso. Obiettivo del workshop è permettere ai musicisti una maggiore libertà di espressione sullo strumento, svincolandosi dalla partitura per esprimere il proprio pensiero musicale. Attraverso le lezioni apprese, i partecipanti saranno in grado di fare esperienza con i vari linguaggi improvvisativi, riappropriandosi del concetto di improvvisazione come composizione estemporanea, e di imparare ad inserire tali linguaggi anche nel loro approccio quotidiano con lo strumento.