Siena celebra Italo Calvino a trent’anni dalla sua morte al Santa Maria della Scala e diventa “la città invisibile”

Sono passati trent’anni dalla scomparsa di Italo Calvino, scrittore ed intellettuale tra i più importanti del Novecento che con la città di Siena ha un legame profondo. La notte tra il 18 ed il 19 settembre 1985, infatti, Calvino moriva nelle sale dell’ospedale Santa Maria della Scala. Oggi, che il Santa Maria è diventato un centro monumentale ed espositivo, e proprio nel 2015, anno in cui Siena è Capitale Italiana della Cultura, l’amministrazione comunale ha pensato di dedicare a Calvino una serie di eventi, legati alla sua opera ed alle sue idee.

Tre appuntamenti speciali con inizio il 18 settembre. Una mostra di Ivano Tagetto, al Santa Maria della Scala, ispirata a Sofronia, una delle Città Invisibili raccontate da Calvino; la videoinstallazione di Vanessa Rusci e Andrea Bassega che descrive una Siena invisibile e la mostra multimediale a cura dell’associazione 47Rosso di Firenze presso la Casa della Città di Palazzo Patrizi e dedicata in particolare alle scuole, che verranno coinvolte in visite guidate a cura di Giocolenuvole.

Inaugura il 19 settembre e resterà allestita fino al 1 novembre la mostra delle 20 sculture dell’artista Ivano Tagetto “Siena Città invisibile che si percepisce”: venti personaggi liberamente ispirati a Sofronia realizzati con ferro e altri materiali di riciclo ed un bassorilievo di legno raffigurante in parte la città di Siena, per l’artista rappresentata da Calvino come Sofronia, una città per metà costituita da un circo, con giostra, cavalieri ed equilibristi e per metà da banche ed esercizi. Ogni sei mesi, metà di questa città viene smontata e sostituita, e contrariamente a quello che è comune pensare sono le banche e le attività ad essere smontate, con i loro marmi e le loro insegne.

Oltre alla mostra di Tagetto da venerdì 18 a domenica 20 settembre sarà allestita al Santa Maria della Scala una videoinstallazione di Vanessa Rusci e Adrea Bassega, due artisti che faranno scoprire una Siena ” Invisibile” attraverso un linguaggio comunicativo più che mai giovane affidato all’uso di immagini e video. I due eventi sono organizzati in collaborazione con la società Buferauto.

Spazio anche ai più piccoli con la mostra multimediale “Le visibili città invisibili” a cura dall’associazione 47Rosso di Firenze, presso la galleria di Palazzo Patrizi (Casa della Città), dal 19 settembre al 15 ottobre.

Si tratta di un percorso dedicato a grandi e piccini che unisce alla mostra una serie di laboratori didattici dedicati alle scuole ed iniziative collaterali a cura di Giocolenuvole. La mostra “Le visibili città invisibili” prevede una sintesi tra molteplici linguaggi, quali l’incisione (con trenta opere rappresentanti ognuna una diversa città), la musica, la tecnica cinematografica nota come stop-motion, la videoinstallazione, l’installazione concreta e la lettura teatrale ed è tesa a sviluppare la suggestione del testo di Calvino in cui il viaggiatore immaginario possa perdersi e ritrovarsi, guidato da un continuo susseguirsi di suggestioni sonore e visuali.