Questa sera “Nabucco” di Giuseppe Verdi inaugura l’Arena di Verona Opera Festival 201

Questa sera alle ore 21.00 Nabucco di Giuseppe Verdi dà il via alla 93a edizione del Festival lirico 2015 all’Arena di Verona.

Tra gli ospiti illustri che sono attesi nel parterre della Prima spiccano i nomi del Console Generale degli Stati Uniti d’America a Milano Philip Reeker, dell’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia Reinhard Schäfers, oltre ai parlamentari veronesi Anna Cinzia Bonfrisco, Mattia Fantinati, Alberto Giorgetti, Alessia Rotta, Tancredi Turco e Diego Zardini.

Presenze ormai immancabili alla première areniana quelle dell’attore e regista Antonio Albanese e del Presidente di Classica Italia S.r.l. Piero Maranghi; saranno presenti anche Emma Marcegaglia Presidente di Eni, Andrea Moltrasio Presidente UBI Banca, Giorgio Fossa Amministratore unico della Silvio Fossa S.p.A., oltre a grandi industriali veronesi come le famiglie Bolla, Manni, Pedrollo, Riello, Veronesi e imprenditori veneti come il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo SAVE S.p.A. Enrico Marchi, senza contare rappresentanti da tutta Italia delle realtà di categoria di Confindustria.

Nell’anno di Expo Milano 2015, la serata inaugurale porta in scena un titolo molto amato dal pubblico areniano e che lega la sua storia alla città di Verona, dove è stato rappresentato per la prima volta nel lontano 1844, a due anni dal debutto milanese. Inoltre, nell’ambito del Festival lirico questo titolo è stato rappresentato in Arena per 20 Festival a partire dal 1938, in ben 10 allestimenti diversi.

Domani Nabucco torna in scena nel teatro all’aperto più grande del mondo nel monumentale allestimento ideato nel 1991 dal regista Gianfranco de Bosio che, insieme all’architetto e scenografo veronese Rinaldo Olivieri, ha trasformato il palcoscenico areniano nel possente tempio di Gerusalemme prima e nella reggia babilonese poi, per evidenziare lo scontro tra i due popoli, tra culture e religioni diverse, che al culmine dell’incomprensione alla fine sanno ritrovarsi in una lingua comune e tornare all’armonia nella pluralità.

A dirigere l’Orchestra areniana è chiamato il M° Riccardo Frizza e grandi interpreti sono impegnati per questo dramma lirico: nei panni del protagonista Nabucco debutta la Prima Luca Salsi e in Abigaille Martina Serafin, mentre Dmitry Beloselsky affronta in Arena il ruolo di Zaccaria. Nino Surguladze veste i panni di Fenena accanto a Piero Pretti in Ismaele, al suo debutto nell’anfiteatro veronese. Completano il cast: Alessandro Guerzoni nel ruolo del Gran Sacerdote di Belo, Francesco Pittari nei panni di Abdallo e, per la prima volta in Arena, Madina Karbeli in Anna.

Il titolo impegna l’Orchestra, il Coro preparato dal M° Salvo Sgrò, le numerose comparse ed i Tecnici dell’Arena di Verona.

Repliche: 25 giugno ore 21.00 – 3, 9, 15, 18, 23 luglio ore 21.00 – 13, 18, 22, 26, 29 agosto ore 20.45 – 1, 5 settembre 2013 ore 20.45