Oscar 2017: lo scambio di busta, la vittoria di “Monlight” e le risate di Jimmy Kimmel. Ecco tutti i best moments

L’89ª edizione della cerimonia degli Academy Award tenutasi il 26 febbraio 2017 poteva potenzialmente rivelarsi un ”La La Oscar”, viste le 14 candidature per “La La Land”, l’osannato musical del momento, ma così non è stato. “La La Land”, su 14, si è portato a casa soltanto 6 statuette, tra cui quella come Miglior attrice protagonista ad Emma Stone e come Miglior regia a Damien Chazelle, però non quella come Miglior Film andata, invece, a “Moonlight” (che ne ha collezionate in totale 3), tuttavia assegnata a quest’ultimo solo in una seconda battuta a causa di un erroneo, quanto clamoroso scambio di busta che aveva appena un attimo prima decretato come migliore pellicola dell’anno proprio “La La Land”. Colpo di scena finale permettendo (del quale in questi giorni è quasi certo che ne sentiremo parlare a lungo), fra gradevoli esibizioni canore, snack che vengono paracadutati giù dal cielo, inaspettati visitatori che si sono ritrovati nel bel mezzo dell’evento in corso, sarcastiche frecciatine al Trump pensiero ed ironici siparietti fra il presentatore degli Oscar Jimmy Kimmel, e la sua vittima designata Matt Damon tutto si è svolto senza troppi clamori in un’ecumenica distribuzione degli Oscar, trascinato dalla  spiritosa conduzione di Kimmel che comunque si è tenuto rigidamente all’etichetta del cerimoniale. “Manchester by the Sea” e “La battaglia di Hacksaw Ridge” con due Oscar per ciascuno seguono a ruota i sopracitati “La La Land” e “Moonlight”.  Come Miglior attore protagonista vince Casey Affleck per il suo ruolo in “Manchester by the Sea” e nella categoria di Miglior attrice non protagonista Viola Davis per la sua interpretazione in “Barriere”. “Zootropolis” viene premiato come miglior film animato e nella sezione Miglior documentario “Fuocoammare” del regista italiano Gianfranco Rosi non riesce a spuntarla su “O.J.: Made in America”. A tenere alta la bandiera italiana sono Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini, trionfatori come Miglior trucco e acconciatura per “Suicide Squad”.

Miglior film

Moonlight, prodotto da Adele Romanski, Dede Gardner e Jeremy Kleiner

Arrival, prodotto da Shawn Levy, Dan Levine, Aaron Ryder e David Linde

Barriere, prodotto da Scott Rudin, Denzel Washington e Todd Black

La battaglia di Hacksaw Ridge , prodotto da Bill Mechanic e David Permut

Il diritto di contare, prodotto da Donna Gigliotti, Peter Chernin, Jenno Topping, Pharrell Williams e Theodore Melfi

Hell or High Water, prodotto da Carla Hacken e Julie Yorn

La La Land, prodotto da Fred Berger, Jordan Horowitz e Marc Platt

Lion – La strada verso casa, prodotto da Emile Sherman, Iain Canning e Angie Fielder

Manchester by the Sea, prodotto da Matt Damon, Kimberly Steward, Chris Moore, Lauren Beck e Kevin J. Walsh

Miglior regia

Damien Chazelle – La La Land

Barry Jenkins – Moonlight

Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea

Denis Villeneuve – Arrival

Mel Gibson – La battaglia di Hacksaw Ridge 

Miglior attore protagonista

Casey Affleck – Manchester by the Sea

Andrew Garfield – La battaglia di Hacksaw Ridge 

Ryan Gosling – La La Land

Viggo Mortensen – Captain Fantastic

Denzel Washington – Barriere 

Miglior attrice protagonista

Emma Stone – La La Land

Isabelle Huppert – Elle

Ruth Negga – Loving

Natalie Portman – Jackie

Meryl Streep – Florence 

Miglior attore non protagonista

Mahershala Ali – Moonlight

Jeff Bridges – Hell or High Water

Lucas Hedges – Manchester by the Sea

Dev Patel – Lion – La strada verso casa 

Michael Shannon – Animali notturni 

Miglior attrice non protagonista

Viola Davis – Barriere 

Naomie Harris – Moonlight

Nicole Kidman – Lion – La strada verso casa 

Octavia Spencer – Il diritto di contare 

Michelle Williams – Manchester by the Sea

Migliore sceneggiatura originale

Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea

Damien Chazelle – La La Land

Yorgos Lanthimos e Efthymis Filippou – The Lobster

Mike Mills – 20th Century Women

Taylor Sheridan – Hell or High Water

Migliore sceneggiatura non originale

Barry Jenkins e Tarell Alvin McCraney – Moonlight

Eric Heisserer – Arrival

Luke Davies – Lion – La strada verso casa 

August Wilson – Barriere 

Allison Schroeder e Theodore Melfi – Il diritto di contare 

Miglior film straniero

Il cliente, regia di Asghar Farhadi (Iran)

Land of Mine – Sotto la sabbia, regia di Martin Zandvliet (Danimarca)

En man som heter Ove, regia di Hannes Holm (Svezia)

Tanna, regia di Martin Butler e Bentley Dean (Australia)

Vi presento Toni Erdmann, regia di Maren Ade (Germania)

Miglior film d’animazione

Zootropolis, regia di Rich Moore e Byron Howard

Kubo e la spada magica, regia di Travis Knight

La mia vita da Zucchina, regia di Claude Barras

Oceania, regia di John Musker e Ron Clements

La tartaruga rossa, regia di Michaël Dudok de Wit

Miglior fotografia

Linus Sandgren – La La Land

Greig Fraser – Lion – La strada verso casa

James Laxton – Moonlight

Rodrigo Prieto – Silence

Bradford Young – Arrival

Miglior scenografia

Sandy Reynolds-Wasco e David Wasco – La La Land

Patrice Vermette e Paul Hotte – Arrival

Stuart Craig e Anna Pinnock – Animali fantastici e dove trovarli 

Jess Gonchor e Nancy Haigh – Ave, Cesare! 

Guy Hendrix Dyas e Gene Serdena – Passengers

Miglior montaggio

John Gilbert – La battaglia di Hacksaw Ridge

Tom Cross – La La Land

Joi McMillon e Nat Sanders – Moonlight

Joe Walker – Arrival

Jake Roberts – Hell or High Water

Miglior colonna sonora

Justin Hurwitz – La La Land

Mica Levi – Jackie

Dustin O’Halloran e Hauschka – Lion – La strada verso casa 

Nicholas Britell – Moonlight

Thomas Newman – Passengers

Miglior canzone

City of Stars (Justin Hurwitz, Benj Pasek, Justin Paul) – La La Land

Audition (The Fools Who Dream) (Justin Hurwitz, Benj Pasek e Justin Paul) – La La Land

Can’t Stop the Feeling! (Justin Timberlake, Max Martin e Karl Johan Schuster) – Trolls

The Empty Chair (J. Ralph e Sting) – Jim: The James Foley Story

How Far I’ll Go (Lin-Manuel Miranda) – Oceania (Moana)

Migliori effetti speciali

Robert Legato, Adam Valdez, Andrew R. Jones, Dan Lemmon – Il libro della giungla

Craig Hammack, Jason Snell, Jason Billington, Burt Dalton – Deepwater – Inferno sull’oceano

Stephane Ceretti, Richard Bluff, Vincent Cirelli, Paul Corbould – Doctor Strange

Steve Emerson, Oliver Jones, Brian McLean, Brad Schiff – Kubo e la spada magica 

John Knoll, Mohen Leo, Hal Hickel, Neil Corbould – Rogue One: A Star Wars Story

Miglior sonoro

Kevin O’Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter Grace – La battaglia di Hacksaw Ridge

Andy Nelson, Ai-Ling Lee e Steve A. Morrow – La La Land

David Parker, Christopher Scarabosio e Stuart Wilson – Rogue One: A Star Wars Story

Bernard Gariépy Strobl e Claude La Haye – Arrival

Gary Summers, Jeffrey J. Haboush e Mac Ruth – 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi

Miglior montaggio sonoro

Sylvain Bellemare – Arrival

Wylie Stateman, Renée Tondelli – Deepwater – Inferno sull’oceano 

Robert Mackenzie, Andy Wright – La battaglia di Hacksaw Ridge 

Ai-Ling Lee, Mildred Iatrou Morgan – La La Land

Alan Robert Murray, Bub Asman – Sully

Migliori costumi

Colleen Atwood – Animali fantastici e dove trovarli 

Joanna Johnston – Allied – Un’ombra nascosta 

Consolata Boyle – Florence 

Madeline Funtaine – Jackie

Mary Zophers – La La Land

Miglior trucco e acconciatura

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson – Suicide Squad

Eva Von Bahr e Love Larson – En man som heter Ove

Joel Harlow e Richard Alonzo – Star Trek Beyond

Miglior documentario

O.J.: Made in America, regia di Ezra Edelman

Fuocoammare, regia di Gianfranco Rosi

I Am Not Your Negro, regia di Raoul Peck

Life, Animated, regia di Roger Ross Williams

XIII emendamento, regia di Ava DuVernay

Miglior cortometraggio documentario

The White Helmets, regia di Orlando von Einsiedel e Joanna Natasegara

4.1 Miles, regia di Daphne Matziaraki

Extremis, regia di Dan Krauss

Joe’s Violin, regia di Kahane Cooperman

Watani: My Homeland, regia di Marcel Mettelsiefen

Miglior cortometraggio

Sing, regia di Kristóf Deák e Anna Udvardy

Ennemis intérieurs, regia di Sélim Azzazi

La femme et la TGV, regia di Timo von Gunten

Silent Nights, regia di Aske Bang

Timecode, regia di Juanjo Giménez Peña

Miglior cortometraggio d’animazione

Piper, regia di Alan Barillaro

Blind Vaysha, regia di Theodore Ushev

Borrowed Time, regia di Andrew Coats e Lou Hamou-Lhadj

Pear and Cider Cigarettes, regia di Robert Valley

Pearl, regia di Patrick Osborne
Gabriele Manca