Morgan fuori dal talent show Amici. Maria De Filippi annuncia: “Un aspetto necessario di un coach è corrispondere le esigenze dei ragazzi”

Morgan non sarà più il coach del talent show di Maria De Filippi “Amici” a renderlo noto è l’ufficio stampa della stessa padrona di casa del programma televisivo più amato d’Italia che annuncia:

«Sono purtroppo costretta a confermare le voci che annunciano l’uscita di Morgan da Amici. È vero e lo considero un mio fallimento». È già finita la storia d’amore televisivo tra Maria De Filippi e Morgan. Giusto due puntate della nuova edizione del serale di Canale 5 per capire che era abbastanza. «Dopo una lunga e vana attesa di un incontro con gli autori e con chi gestisce la produzione — ha spiegato Maria De Filippi —, tutto è degenerato. Da lui sono partiti gli insulti, le accuse, le teorie complottiste e persecutorie, fino alla ovvia e necessaria risoluzione degli impegni reciproci. Peccato».
«Un artista pieno di ironia e di doppifondi»
La conduttrice ha anche parole di affetto per Morgan: «Considero Morgan un artista a tutti gli effetti, un uomo pieno di cultura, pieno di ironia e di doppifondi (perché contengono tutto e il suo contrario), di conoscenza e di esperienza. È un musicista e sa tanto di musica, doti eccezionali per ricoprire, credevo, il ruolo di coach capitanando una delle due squadre che si fronteggiano durante la fase serale di Amici. E ho sbagliato. Non nel riconoscergli queste prerogative perché le ha, ma perché ho creduto che potessero bastare, non valutando che avrebbe anche dovuto ricoprire un altro aspetto purtroppo altrettanto necessario: corrispondere alle esigenze dei ragazzi. Creare quel legame che porti i ragazzi in gara, a credere nel loro coach; far sì che i ragazzi gli riconoscano le capacità di guida e di crescita come è giusto che sia in ogni rapporto costruttivo e mai impositivo. Questo non è successo. Anzi purtroppo è successo l’esatto contrario. La squadra che Morgan ha capitanato è composta attualmente da quattro partecipanti e tre di loro hanno chiesto a noi una soluzione immediata, disposti — uno di loro con certezza — anche a lasciare il programma pur di non dover più avere obbligatoriamente Morgan come coach.