Intervista : Antonio Andrea Pinna – Vi presento le mie “Perle” che hanno fatto impazzire il web.

Dopo lo straordinario successo sui social e sul web, Antonio Andrea Pinna – scrittore ed autore il cui sguardo cinico e irriverente sul mondo ha dato vita alle ormai celebri ed imperdibili Perle di Pinna – è cresciuto e passa dal mondo virtuale alla carta stampata con un nuovo progetto intitolato: “L’amore è eterno finché è duro” che raccoglie – con pungente ironia – “Perle” inedite e non dedicate tutte all’Amore. La sua schiettezza e simpatia lo hanno portato a diventare uno dei parolieri più famosi del momento. Attraverso le sue lenti, Andrea ci permette però di avventurarci in riflessioni profonde sulla nostra società. In questo libro, pillole dissacranti e ironiche sulle coppie di oggi ci aiutano a capire dove stanno andando i sentimenti all’epoca di internet. Noi di Domanipress.it sempre attenti ai nuovi fenomeni nati in rete l’abbiamo incontrato e abbiamo parlato con lui del nuovo libro e del suo rapporto con la rete.

547069_484184164925417_1060861849_n

La tua pagina “Le perle di Pinna” è una delle pagine italiane più famose di facebook con oltre 250mila fan come è nata l’idea ?

 

La mia pagina è nata per gioco. Avevo perso il lavoro, stavo a casa tutto il giorno, e mi sono messo a scrivere su Facebook. Non avrei mai pensato che poi sarebbe diventato il mio nuovo lavoro.

 

Le tue frasi possono essere definite degli aforismi moderni in chiave comica. Qual è il segreto per scrivere aforismi divertenti ma che allo stesso tempo riescono ad essere universalmente condivisi?

 

Cerco di scrivere sempre qualcosa che alla gente possa interessare, e cerco di usare un linguaggio vicino alle persone che mi leggono. Senza giri di parole, puntando al succo della questione e provando a strappare un sorriso o addirittura una risata.

 

Oltre il social  hai pubblicato da poco il tuo libro per Mondadori  intitolato “L’amore è eterno finchè è duro” che raccoglie le tue frasi dedicate all’amore. Come mai la scelta di scegliere il libro come supporto e non per esempio un e-book?

 

Ho scritto tempo fa “Amo tutto ciò che è tecnologico, ma il profumo di un libro non si batte”. Cerco di essere aperto a tutto ciò che di nuovo la tecnologia ci propone, ma non ho nessuna intenzione di abbandonare l’insuperabile. Un libro vero e proprio è fatto di carta. E così, nonostante sia io figlio del web e della tecnologia, ho voluto proporre un libro cartaceo. Un vero libro.

 

Nella tua biografia hai scritto che sei partito da Cagliari con una valigia piena di speranze per trovare lavoro e poi dopo essere stato licenziato hai “inventato” questo tuo nuovo lavoro. Quali consigli dai ai giovani come te che affrontano il problema della crisi economica e della

disoccupazione?

 

 Do sempre questo consiglio: preoccupatevi di scoprire in cosa siete bravi e non solo di inseguire ciò che vi piace. Io amo la moda e avrei voluto fare lo stylist per Vogue America. Poi ho scoperto di cavarmela meglio con la scrittura, ed eccomi qua. Bisogna trovare una via di mezzo tra i sogni e la capacità, tra il desiderio e il raggiungibile. E si può essere felici anche cambiando un tantino la rotta.

 

Una tua perla di Pinna è : “Belli i tempi in cui, quando pensavamo a qualcuno, gli facevamo uno squillo…”Ti piacerebbe spostare l’orologio nel passato per vivere gli anni novanta o sei più proiettato verso il futuro? Scegli lo squillo o WhatsApp ?

 

Sono figlio dei miei tempi e cerco di comportarmi di conseguenza. Ma sono un nostalgico nato. Provo nostalgia anche per periodi storici che non ho mai vissuto. Accetto il presente, aspetto il futuro e ho nostalgia del passato, qualunque esso sia, vissuto o meno.

 

Come ultima domanda parafrasiamo sempre il titolo del nostro magazine e chiediamo come vede il “Domani” Pinna, quali sono le tue speranze e le tue paure? Puoi usare anche una tua“perla” se vuoi…

 

Il domani è molto incerto. Faccio un lavoro indefinito, una vita strana e sogno in grande. Ce la metterò tutta. Male che vada, mi volterò, e saprò di essermi divertito tanto.

 

Simone Intermite