Intervista ai “Canova”da Mtv new generation a Sanremo con il loro album di debutto “Expo”

Nel mondo della musica di oggi spesso i talenti emergono anche grazie al web e alla forte componente di fan che sostengono i propri artisti preferiti attraverso la condivisione sui social network. È il caso di una giovane band musicale i “Canova” che in questi ultimi mesi ha conquistato la rete con il singolo “Expo” e che forte di questa esperienza ha collezionato una serie di successi guadagnando la possibilità di partecipare alle selezioni per  Sanremo giovani . Noi di domanipress sempre attenti alle nuove tendenze musicali li abbiamo incontrati e abbiamo parlato con loro del disco d’esordio Expo.

expo copertina

 

Partiamo dal nome della band “Canova” come mai questo nome? E come nasce la band?

Canova è un nome diretto,italiano e pieno d’arte. Quando ci è venuto in mente ce ne siamo innamorati subito.È un nome che ha unito l’arte del passato e del presente e, noi, a modo  nostro è quello che proviamo a fare con la musica.Siamo quattro amici prima di tutto. Ci vediamo tutti i gironi,anche aldilà della sala prove. Siamo una vera e propria banda….

 

L’album d’esordio “Expo”  ha ricevuto molti consensi sia di critica che di pubblico. Dopo la consacrazione di Mtv new generation adesso arriva quello delle selezioni del  festival di San Remo come vi state preparando a questa importante prova?

 

“Expo” è il nostro primo singolo e sta facendo davvero un bel percorso. Siamo molto felici di questo; poi con Mtv che ci supporta ci sentiamo molto più sicuri di quello che stiamo facendo.

Siamo cresciuti guardando MTV e speriamo di arrivare a più persone possibili.

Il brano dipinge l’amore urbano tra i giovani d’oggi in un mondo sempre più veloce, più di quanto noi giovani riusciamo ad esserlo.

Il festival di Sanremo è una di quelle esperienze che prima o poi vorremmo vivere. Forse perchè in Italia, rappresenta anche una sorta di consacrazione. Però c’è tempo; entrarci è molto difficile, c’è tantissima concorrenza, e non saremo mai quelli che pensano di essere i migliori di tutti !

Quindi la viviamo con serenità !

 

Il vostro singolo “Expo” parla delle nuove generazioni  e del futuro incerto. Parafrasando il titolo del nostro newsblog come immaginate il  domani? Quali sono le vostre speranze e le vostre paure?

 

Eh… il domani del mondo che viviamo, è molto strano.In primis nel mondo che ci appartiene ovvero quello della musica.È cambiato tutto nel giro di pochi anni, e ogni giorno può accadere di tutto.Oggi sei la star del talent, domani torni a lavorare in pizzeria.Noi, per combattere questo aspetto, cerchiamo di fare un percorso che ci piace, senza avere la fretta di dover dimostrare tutto e subito.

 

Il vostro sound ricorda molto quello delle band indie inglesi…quali sono i vostri punti di riferimento musicali?

 

Esatto! Siam contenti che si senta !n effetti la musica inglese è quella che preferiamo…Nelle nostre playlist non mancano mai i Kasabian, i Kooks, i Vaccines, Coldplay e molte altre band !Loro sono molto più avanti di quello che c’è qui in Italia, sono loro che dettano le regole, da sempre !

 

È cambiato radicalmente il modo di usufruire della musica grazie alle piattaforme digitali.Qual’ è il vostro rapporto con queste realtà? Preferite il vecchio classico album o lo streaming digitale?

 

Guarda, noi siamo figli della internet generation, e sopratutto vogliamo vivere nel presente e non nel passato.Quindi ci adattiamo a come và la realtà.

Bisogna essere al passo; per esempio, stampare la musica su vinile è un aspetto che non ci interessa.

Ogni supporto è valido per ascoltare musica secondo noi: Spotify, Youtube, Itunes da band emergente quale siamo, sono fondamentali per ‘diffondere il verbo’.

 

Ultima domanda se dovesse dare un aggettivo  o un soprannome ad ogni componente della band quale scegliereste?

 

Preferiamo non dirlo e tenerlo segreto  perchè altrimenti non ci seguirebbe  più nessuna  ragazza….

 

Simone Intermite