Il salone del libro di Torino: fino al 16 maggio cultura e innovazione si incontrano

Grande successo anche quest’anno per il salone del mobile inaugurato
Con questo Salone parte il nuovo assetto della Fondazione: oltre ai Soci storici (Regione Piemonte, Città di Torino e Torino Metropoli) e al recente ingresso di Miur e Mibact, entra fra i Soci Fondatori anche Intesa Sanpaolo quale importante partner privato.
La dichiarazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini: «L’ingresso del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nella Fondazione del Salone del Libro di Torino è l’esito naturale di un lungo processo che tiene conto dell’alto valore culturale del Salone. Stiamo parlando della più importante manifestazione italiana del settore e una delle maggiori a livello europeo, capace di promuovere il libro e la lettura, portando un notevole arricchimento culturale a tutta la società italiana. Un impegno condiviso dal ministero attraverso il Centro per il libro e la lettura (Cepell). Il sostegno del Mibact insieme a quello del Miur permetterà agli organizzatori di agire con più libertà, autorevolezza e serenità, sviluppando, ancora di più, la proiezione internazionale».
La Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini ha commentato: «Il ruolo del Miur è promuovere la digitalizzazione del patimonio, la laboratorialità della formazione e l’internazionalità dell’istruzione. Per tutti questi tre obiettivi, gli studenti trovano nel Salone un centro di coesione e processualità formativa».

Commenta la Presidente della Fondazione, Giovanna Milella:
«Questo Salone – intitolato Visioni – riunisce le forze più dinamiche dell’Italia di oggi, puntando sulla cultura e sulla formazione dei giovani.
Noi per primi ci siamo mossi seguendo il tema conduttore, cercando di risolvere i problemi ereditati dal passato grazie a un nuovo assetto societario, un assetto pubblico-privato, fondato non solo sul riordino dei conti, ma anche su un progetto innovativo di contenuti condivisi.
In quest’ottica stiamo superando le difficoltà economiche e questa edizione – la 29ma – presenta un suo programma di grande rilievo.
Sotto la guida sicura e ineguagliabile di Ernesto Ferrero, il Salone ha preso corpo giorno per giorno e gli editori hanno risposto all’appello.
Li ringraziamo per la loro sensibilità e il loro sostegno. Insieme è cresciuto un Salone del Libro in cui si riconoscono scrittori, artisti, scienziati, studenti, insegnanti, imprenditori. Nell’immagine donataci da Mimmo Paladino, ci sono gli occhi attenti e consapevoli di tutti coloro che partecipano al Salone del Libro a Torino o ci seguono in diretta attraverso radio, tv e internet: un pubblico che davvero possiamo dire globale grazie alle dirette streaming che abbiamo testato in questi mesi al Salone Off 365 con la collaborazione degli Istituti Italiani di Cultura, e che ora porteranno in tutto il mondo gli eventi più importanti del Salone.
A tutti dico grazie.
In particolare voglio ringraziare il presidente Chiamparino e il Sindaco Fassino, gli assessori alla Cultura della Regione, Antonella Parigi, e della Città, Maurizio Braccialarghe, che ci sono sempre stati accanto, Miur, Mibact e Intesa San Paolo per la fiducia accordataci per gli anni futuri. E naturalmente il Consiglio d’Amministrazione, con il quale lavoriamo in stretta e costruttiva sintonia.
Inoltre abbiamo sempre avuto accanto in questi mesi la Compagnia di San Paolo, la Fondazione Crt, l’Associazione delle fondazioni bancarie, ITA, Camera di Commercio, Centro per il Libro.
L’ultima, rilevante novità in ordine di tempo è l’arrivo di Unicredit che ha scelto di supportare il Salone sia come Sostenitore sia come Sponsor.
Non solo. Vorrei ringraziare chi collabora intensamente con il Salone e dà un grande valore alle nostre comuni iniziative: Università e Politecnico di Torino, Iit, Gl events, le scuole, le Circoscrizioni, i Comuni intorno a Torino, così come le biblioteche e le librerie.
Infine un grazie ai colleghi della Fondazione. Condividiamo da mesi difficoltà ed entusiasmi, e vorrei che anche a loro andasse il vostro caloroso applauso».

Il protocollo rappresenta un traguardo fondamentale nel lavoro compiuto dalla nuova Presidente Giovanna Milella, con il supporto delle Istituzioni per la messa in sicurezza della Fondazione, la costituzione di una solida base societaria pubblico-privata e il ridisegno degli obiettivi del Salone Internazionale del Libro.
Sotto la sua Presidenza lavorerà il nuovo Comitato d’Indirizzo chiamato a delineare i futuri assetti organizzativi del Salone. È composto dai Consiglieri d’Amministrazione della Fondazione, dai rappresentanti di Mibact Rossana Rummo, Miur Arnaldo Colasanti e Intesa Sanpaolo Michele Coppola.
Grazie a tutto ciò, il 29° Salone – con la sicura direzione editoriale di Ernesto Ferrero che in diciotto edizioni l’ha portato ai risultati che oggi tutti conoscono – parte con i migliori auspici. Anche Unicredit sostiene come significativo sponsor questa importante edizione.
Fra gli sponsor del Salone 2016 Fca, presente con il marchio Lancia e un supporto sia economico sia con la fornitura di automobili di servizio; Yakult; Caffè Vergnano; Acqua Valmora; Guido Gobino.