Il balletto Don Chisciotte per il Festival Belliniano di Enrico Castiglione al Teatro Antico di Taormina

Giunge alla sua nona edizione il festival Belliniano, nato nel 2009, ideato e diretto da Enrico Castiglione. Un evento che da sempre ha voluto celebrare e rendere onore al grande repertorio operistico del famoso compositore catanese Vincenzo Bellini. Da qualche anno la programmazione di eventi musicali classici è stata allargata, includendo opere di altri famosi compositori. Presso il Teatro Antico di Taormina dal 26 al 30 Luglio si svolgeranno una serie di spettacoli che hanno come comune denominatore la grande musica classica.

Il 26 Luglio è andato in scena Il Don Chisciotte di Ludwig Minkus, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita. Il balletto sarà riproposto dal Festival Belliniano oggi 29 Luglio alle ore 21.30, dopo lo straordinario successo della prima serata sottolineato dagli applausi e calore del pubblico.
Lo spettacolo di danza classica è stato onorato dalla bravura del giovane corpo di ballo “Bellini Junior Ballet”. Le coreografie sono state curate da Giusy Vittorino . La danza classica non è solo ballo ma è prima di tutto disciplina, volontà, sacrificio, dedizione e rinunce. E’ amore e passione per la danza intesa come regola quasi di vita. Tutto questo è stato ben rappresentato dai giovani talenti della compagnia junior del Bellini. Un corpo di ballo abbastanza omogeneo e coeso. Non sono mancate piccole imperfezioni ed elementi meno brillanti all’interno del gruppo. Tutti molto giovani ma sicuramente alcuni di loro di notevoli capacità e già con una forte presenza scenica. Senza ombra di dubbio sono emersi per doti tecniche e grandi capacità artistiche alcuni danzatori provenienti dal Teatro alla Scala come Emilio Barone, Silvio Liberto, Beatrice Rancani, Ilaria Frazzetto. La prima ballerina Beatrice Rancani di soli 19 anni ha mostrato grande carisma, personalità e carattere. Molto espressiva e tecnicamente notevole. Dopo aver portato negli anni precedenti ballerini come Roberto Bolle e Eleonora Abbagnato e le etoils dell’Opèra di Parigi e del New York City Ballet, il Festival Belliniano omaggia Minkus con il classico dei classici, in una originalissima e giovane versione . Coreografie dinamiche e forte energia coadiuvati da costumi colorati e dallo splendido scenario del teatro greco hanno regalato al pubblico uno spettacolo molto piacevole e coinvolgente. Un Don Chisciotte Junior ma meritevole per la bravura e dedizione dei giovani talenti e ballerini.

Il 30 Luglio sempre il Teatro Antico di Taormina sarà la splendida cornice del secondo gala operistico, il BELLINI OPERA GALA II, un’altra ricca serata all’insegna dell’Opera lirica e del grande repertorio operistico, ma questa volta esclusivamente dedicata alle opere di Vincenzo Bellini. Accompagnati dall’Orchestra Haffnerdiretta da Antonella Fiorino, il soprano Gonga Dogan, il tenore Filippo Micale, il baritono Giovanni di Mare, già protagonisti di concerti ed opere trasmesse in televisione e nei cinema in tutto il mondo, si esibiranno nelle più popolari ed amate arie e romanze tratte dalle più celebri opere di Vincenzo Bellini: da Adelson e Salvini a I Capuleti e i Montecchi, da Il pirata a Beatrice di Tenda, da Bianca e Fernando alla Zaira, da La straniera a I Puritani (di cui verranno eseguiti numerose arie), da La Sonnambula alla Norma, in oltre due ore di puro lirismo belliniano. Immancabili arie celebri come “Casta Diva” dalla Norma o “Ah, non credea mirarti” dalla Sonnambula, ma anche sinfonie ed ouvertures come la celeberrima “Sinfonia” della stessa Norma.

Carlotta Bonadonna