Cinema Preview: “Suffragette” il film che ha conquistato il Torino Film Festival

Il film Suffragette sembra quasi comodo come le sue protagoniste ai tempi, dato che ancora non abbiamo una data italiana, posticipata nuovamente in un non definito giorno di marzo 2016. In ogni caso la regista Vin Sarah Gravon ha già conquistato il bel paese, all’apertura del 33° Torino Film Festival.

Il film, sebbene la lunga gestazione ( sei anni), annovera un cast d’eccellenze: Meryl Streep ( che non ha molti minuti di film, ma tutti fondamentali) , Helena Bonham Carter, Brendan Gleeson e tanti altri; già questa troupe fa sperar bene per i botteghini ed i Festival.

Come dice il titolo la pellicola è incentrata su quelle donne che, nell’Inghilterra nel 1912-13 hanno combattuto per il diritto di voto e la parità dei sessi, tema sicuramente caldo anche ai giorni nostri. Le protagoniste sono un’ ispiratissima Carey Mulligan che interpreta una giovane operaia in una lavanderia, e la sempreverde battagliera Meryl Streep, che interpreta la figura storica di Emmeline Pankhurst, nome altisonante per i diritti delle donne ( è stata la fondatrice della Women’s Social and Political Union).

Sembra decisamente entusiasta la regista Sarah Gravon, grande sostenitrice dei diritti delle donne, che in una recente intervista ha affermato:

 

“Questa è una storia di tutte le donne, di ieri e di oggi, perché molte delle disparità e dei soprusi, in forme diverse ovviamente, valgono tuttora. La lotta impose allora molta solidarietà e sacrifici a tutte, ma soprattutto alle ragazze povere, come la nostra protagonista Maud, che lavora in una lavanderia dell’East London, nell’allora proletaria Brick Lane. Un personaggio di fantasia che riassume però molte biografie reali. Loro erano davvero più avanti, abbattevano tabù, convenienze sociali e rischiavano tutto, casa, famiglia, figli, come accade a lei quando il marito Sonny, che pure l’ama, la caccia di casa e le impedisce di vedere il figlio amatissimo, secondo le leggi di allora. Quella battaglia legò, attraversò le classi, tutte combattevano fianco a fianco”

 

Cast eccezionale, una storia vera di lotta per i diritti e per la libertà civile e un agguerrita regista creano il giusto mix per un film che farà parlare sicuramente di sé.

 

Francisco Cirri