Cinema Preview : Il vecchio Holmes si risveglia dal torpore

Lo sappiamo tutti da una decina di anni è l’epoca cinematografica delle reinterpretazioni remake e sequel.

Ormai la risorsa “sceneggiatura” lambisce ed anche parecchio…tra le inquietanti notizie di remake live action De “La sirenetta”, “Dumbo” o di vari sequel come “Biancaneve e il cacciatore 2” (oserei dire, considerato il primo film, notizia decisamente inquietante!) abbiamo capito che ormai nessun grande mito è al sicuro.

Nemmeno il più famoso investigatore di tutti i tempi è immune di fronte alla grande ed avida macchina cinematografica ed è cosi che nasce “Mr Holmes”.

Al di là del sarcasmo in realtà, si preannuncia un film interessante. Anche solo per vedere Mckellen cimentarsi nella parte di Sherlock. In questa ennesima reinterpretazione del mito, il regista Bill Condon (“Kinsey”, “Il quinto potere”) presenta un Holmes vecchio, stanco delle varie dicerie che lo descrivono, quasi tra le nuvole…e soprattutto in pensione: non più Baker Street ma una tranquilla casa nel Sussex; non più l’iconica pipa ma le più comode sigarette; niente più casi da risolvere, più preferibile l’apicultura (attività in cui Mckellen si è davvero cimentato per calarsi nella parte…e senza mai essere punto. Well done, Gandalf…).

Ma si sa…Sherlock è Sherlock, ed ovviamente basta un accenno ad un caso irrisolto a riaccendere la scintilla da segugio, basta quel marito preoccupato per sua moglie “Femme Fatale”, quella misteriosa armonica a vetro e via! Il vecchio Holmes si risveglia dal torpore!

Il film è tratto da “A Slight Trick of the Mind”, dal romanzo di Mitch Cullin (in italiano “Un impercettibile trucco della mente”)

Reinterpretare un mito ha sempre una grande difficoltà: a rovinare una leggenda ci vuole pochissimo, ad elevarla invece ci vuole impegno, bravura ed anche una buona dose di fortuna ( immagino che J.J Abrhams l’abbia tenuto di conto per il suo STAR WARS VII…incrociamo tutti le dita. Forte.) Il personaggio di Sherlock Holmes poi, è un personaggio ormai conosciutissimo nel mondo dello spettacolo ovviamente…interpretato da ben 70 attori diversi a partire dal 1911 fino al 2011 con Robert “Iron Man” Downey Jr e la serie con B. Cumberbatch . Insomma è come reinterpretare letteralmente una figura che si è evoluta in un centinaio di anni!

Facciamo gli auguri al regista e soprattutto a Mckellen, perché sebbene sia stato applaudito molto per questa parte al festival di Berlino…giovedì 19 dovrà vedersela con l’impietoso botteghino, pronto ad essere assaltato da Hunger Games!

…e comunque io vorrei solo dire che è GANDALF/MAGNETO che interpreta SHERLOCK HOLMES. Dai su…più buoni presupposti di così!!!

Francisco Cirri