Al Lost Chambers Aquarium di Dubai arrivano gli alligatori

Atlantis, The Palm ha annunciato il tanto atteso arrivo dei suoi due nuovi ospiti, due alligatori albini. Per la prima volta negli Emirati Arabi Uniti, gli insoliti rettili sono stati accolti nel Lost Chambers Aquarium, che ospita oltre 65.000 animali marini, sorprendendo gli ospiti e i visitatori con la loro lucida pelle bianca.

“Il nostro scopo all’Atlantis è quello di far conoscere agli ospiti i diversi animali marini offrendo la migliore esperienza al mondo”, ha affermato Natasha Christie, Direttrice del Lost Chambers Aquarium. “Dopo diversi mesi di ricerca e attente considerazioni, il team del Lost Chambers Aquarium ha deciso di aggiungere i due rari alligatori albini provenienti da un allevamento in Florida.

“Gli alligatori albini sono i più rari tra i loro parenti a sangue freddo e si trovano negli Stati Uniti e in Cina. Il colore bianco della pelle dà loro un aspetto davvero affascinante. Sono sempre stati sfruttati per la loro pelle ricercata e sono infatti una specie a forte rischio di estinzione; il nostro obiettivo è proprio quello di fare la nostra parte nella conservazione di questa particolarissima e intrigante specie, imparando a conoscere sempre più a fondo questi affascinanti rettili e prendendoci cura di loro”, ha aggiunto Natasha.

I due rettili si trovano ora al Lost Chambers Aquarium e possono essere ammirati dal pubblico, dopo aver completato il periodo di quarantena. “L’alligatore albino è una rara specie di alligatore che non riesce a sopravvivere in natura: soprattutto i cuccioli sono spesso a rischio poiché la loro pelle lucida e chiara attira facilmente i predatori. Il nostro scopo è proprio quello di fare il nostro meglio per conservare questa specie in via d’estinzione,” ha aggiunto la Christie.

Il colore particolare della pelle degli alligatori albini deriva dalla mancanza di melanina,  una variazione genetica che conferisce alla pelle un colore lucido e bianco mentre gli occhi sono generalmente rosati a causa dei vasi sanguigni visibili nelle iridi incolori. La mancanza di pigmento, nonostante renda questi animali affascinanti e unici, mette in serio pericolo la loro possibilità di raggiungere l’età adulta, a causa dell’impossibilità di nascondersi e mimetizzarsi, rendendoli una preda facile per altri animali. Inoltre, la loro pelle è molto sensibile al sole e un’esposizione eccessiva può causare bruciature, ecco perché l’area riservata ai due nuovi arrivati all’Atlantis, The Palm è stata equipaggiata con speciali lampade di calore che mantengono la temperatura tra i 26 e 33 gradi centigradi.

The Lost Chambers offre agli ospiti numerose attrazioni in acqua dolce e salata e un ecosistema marino mai visto nel Medio Oriente. L’habitat marino all’aria aperta è il cuore dell’Atlantis, il primo resort destinazione per l’intrattenimento completamente integrato di Dubai. Gli ospiti del resort, i visitatori di Dubai e i residenti degli Emirati possono divertirsi ed esplorare l’ampia collezione di mostre, piscine, lagune e rovine sottomarine che ospitano una sorprendente varietà di specie marine tra cui squali, anguille, razze, piranha e centinaia di pesci esotici e tropicali.

Sparsi nei 46 ettari del resort, 42 milioni di litri d’acqua salata ospitano oltre 65.000 pesci e creature marine di oltre 250 specie. Seconda solo a Madre Natura, l’armonia della vita marina è coordinata da un team di oltre 165 esperti di animali marini. Veterinari, biologi, specialisti di acquari, sub, esperti di laboratorio, addetti al cibo, meccanici e direttori che si occupano 24 ore al giorno di questo delicato ecosistema.

L’acquario cerca di contribuire all’incremento degli esemplari di queste specie, partecipando ad iniziative internazionali che prevedono l’allevamento e la reintroduzione delle specie autoctone nel Golfo Arabo. Questi programmi hanno avuto molto successo con la crescita e lo spostamento di specie locali di coralli e di una serie di cavallucci marini, che sono stati rilasciati all’inizio di quest’anno.